Desktop CinemaItaliano.info - Tutto il nuovo cinema italiano lo trovi qui
Max-width 100% Max-width 100% -

Arrakis (2008), di Andrea Di Nardo
locandina di "Arrakis"

Cast

Regia: Andrea Di Nardo
Anno di produzione: 2008
Durata: 23’
Tipologia: documentario
Genere: lavoro/sociale/sperimentale
Paese: Italia
Distributore: n.d.
Data di uscita: n.d.
Formato di ripresa: Mini DV
Camera: Sony PD170
Sistema di montaggio: Final Cut Pro e Apple Shake
Formato di proiezione: DVD Pal, colore
Titolo originale: Arrakis

Sinossi: "Arrakis" è un documentario poetico di tributo ai luoghi e alle vittime del progresso industriale italiano.
Vedute di fabbriche abbandonate fanno da sfondo ad una voce trasformata dalla malattia.
E’ la voce di Silvestro Capelli, un ex-operaio della storica Breda Fucine di Sesto San Giovanni.
E’ la particolare voce di un laringectomizzato.
Silvestro nel 1996 ha subito un intervento di laringectomia totale per estirpare un tumore causato dall’amianto inalato durante gli anni del lavoro in fabbrica.
Come molte altre persone da anni combatte una battaglia sociale e legale.
Da una parte ci sono semplici cittadini, dall’altra ci sono le istituzioni, l’Inail, i sindacati, i dirigenti d’azienda, i partiti politici.
Racconta Silvestro in Arrakis: "Tutti sapevano e nessuno ha parlato. Lo sapevano i sindacati. Lo sapeva la direzione dell’azienda. Lo sapeva l’assessorato alla sanità. Lo sapevano tutti, e non gli operai che c’erano dentro. E così ci hanno condannato a morte, a menomazioni, ma non solamente noi che lavoravamo all’interno della fabbrica..."

Sito Web: http://arrakis.vh5n1.net

Budget: 2.000 euro

Note:
La prima proiezione pubblica di "Arrakis" è avvenuta su Internet il 12 e 13 giugno 2008 grazie all'azione collettiva e azzardata di 50 blogger che hanno oscurato i loro siti web per trasmettere "Arrakis". Durante l'evento è avvenuto anche un collegamento video in diretta web con Silvestro Capelli che ha risposto alle domande degli spettatori.
L'oscuramento è avvenuto in maniera automatizzata e simultanea alla mezzanotte del 12 Giugno 2008 e si è propagato in maniera virale nei due giorni successivi.


SSBWaWFnZ2kgRGkgUm9ieQ==