Max-width 100% Max-width 100% -

Videoconcorso Francesco Pasinetti




Bando per documentari / cortometraggi




Il concorso, che negli anni ha ricevuto riconoscimenti per il suo valore socioculturale, è gratuito ed aperto a tutti; si articola in più sezioni, alcune delle quali hanno specifici destinatari.
Nella selezione finale, sarà data particolare attenzione al genere documentario, soprattutto legato alla città di Venezia e ai video che trattano temi sociali, culturali e ambientali.
Il Festival Francesco Pasinetti, è ormai diventato un punto d’incontro tra giovani e professionisti del settore cinematografico ed ha come obiettivo, inoltre, promuovere produzioni cinematografiche, anche indipendenti e sperimentali, a Venezia.
SEZIONI
1. Video e Documentario a tema: “Venezia: una città”. Un premio speciale sarà assegnato, quest’anno, all’opera che riporti l’attenzione ai Mestieri e all’Artigianato che rendono o hanno reso viva la città.
Durata massima 15’; per studenti, amatori e produzioni indipendenti è preferibile una durata massima di 5 minuti.
2. Video a tema: “Diversità come valore”, intesa come diversità culturale, tema al quale sarà dedicato un premio speciale, ma anche come diversità ambientale, ovvero biodiversità, diversità psico-fisica, di genere, e a tutte le possibili diversità che l’autore desideri immaginare attraverso il mezzo audiovisivo.
Durata massima 15’; per studenti, amatori e produzioni indipendenti è preferibile una durata massima di 5 minuti.
3. “Documentario e documentazione”: saranno apprezzati documentari e documentazioni su temi sociali, culturali e ambientali, anche di carattere didattico, che sapranno trattare l’argomento scelto attraverso una particolare poetica o tecnica audiovisiva.
Un premio speciale sarà assegnato, quest’anno, ad un documentario che sappia raccontare, anche in modo originale e soggettivo, le dure giornate, che hanno vissuto gli abitanti di Venezia, durante o dopo il 12 novembre 2019.
Durata massima 15’; per studenti, amatori e produzioni indipendenti è preferibile una durata massima di 5 minuti.
4. Video a Tema Libero.
Durata massima 15’; per studenti, amatori e produzioni indipendenti è preferibile una durata massima di 5 minuti.
5. Booktrailer: Premio Bruno Rosada: questa sezione è rivolta principalmente a studenti, istituti e scuole secondarie di primo e secondo grado, anche se tale requisito non è vincolante.
Durata massima 2’.
6. Sketch, Gif animata, Videografica, Stop motion. I lavori in questione possono durare pochi secondi od arrivare ad una durata massima di 3’; alcuni potranno essere utilizzati per introdurre le varie sezioni del Festival in tutte le sedi.

Il "Festival Francesco Pasinetti" si terrà a fine maggio in vari luoghi della città di Venezia: Il Liceo Guggenheim, La Casa del Cinema, Il Fondaco dei Tedeschi. A settembre è prevista una proiezione nella Sala Regione Veneto alla Mostra del Cinema di Venezia.
Giuria
Presieduta da Carlo Montanaro, critico cinematografico, la giuria sarà composta da esperti del settore e da rappresentanti degli enti proponenti. In occasione della premiazione le opere migliori saranno presentate al pubblico durante il Festival.

costo d'iscrizione: gratis
scadenza del bando: 11/04/2020
mese dell'evento: maggio 2020

premi:
Premi
-Il primo classificato riceverà una targa e un premio offerto dalle realtà proponenti; 

-Il video vincitore del Festival, ed una selezione dei prodotti più interessanti, verranno anche proposti in occasione della Mostra del Cinema di Venezia. 
- I vincitori delle singole sezioni riceveranno una targa e premi offerti dai diversi sponsor. 
- Per la sezione “Diversità come valore”, intesa come valore culturale, sarà assegnato un premio offerto dal Fondaco dei Tedeschi.
Inoltre, verranno assegnati i seguenti riconoscimenti: 

-Premio per la Miglior fotografia, assegnato dal circolo Fotografico "La Gondola". 

-Premio della Regione Veneto, assegnato ad un videomaker veneto con un'opera in concorso.
-Premio Bruno Rosada: a ciascun vincitore sarà assegnato un premio in buoni per l’acquisto di libri o materiale multimediale. 

-La Giuria si riserva, durante le giornate di premiazione, di assegnare altri riconoscimenti ad opere che si ritengono particolarmente meritevoli, creando una distinzione tra professionisti, studenti, video amatoriali, produzioni indipendenti e video autoprodotti. I premi ed i riconoscimenti, dovranno essere ritirati dal vincitore, o da un suo incaricato, nella giornata di premiazione. 
Sono previsti incontri e proiezioni fuori concorso, che saranno comunicati sulla pagina Facebook:
https://www.facebook.com/videoconcorsofrancescopasinetti/

modalità d'iscrizione:
Iscrizione
l’iscrizione al premio è gratuita ed aperta a tutti. 

I video dovranno pervenire entro l'11 aprile 2020, assieme alla scheda di partecipazione scaricabile dal sito www.festivalpasinetti.it o la pagina Facebook: https://www.facebook.com/ videoconcorsofrancescopasinetti/
nel compilarla è obbligatorio specificare la sezione nella quale si intende partecipare.
Formati
Le opere in DVD devono essere spedite all’indirizzo:
 VideoConcorso "Francesco Pasinetti", 
Liceo Artistico "Michelangelo Guggenheim", 
Dorsoduro 2613, 30123 Venezia;

è inoltre possibile caricare i video su una pagina Vimeo, (ricordandosi di attivare l’opzione download). Saranno accettati per la selezione anche video caricati su Youtube se si attesta la possibilità di inviare, se selezionati, un file mp4, mov, gif, di un massimo di 500 mb.
Inviare con WeTransfer o Dropbox mp4, mov, gif, sempre per un massimo di 500 mb all’indirizzo 
e-mail: [email protected]
Per qualsiasi informazione è possibile consultare la pagina Facebook: https://www.facebook.com/ videoconcorsofrancescopasinetti/

link da cui scaricare la documentazione per l'iscrizione:
» https://www.facebook.com/ videoconcorsofrancescopasinetti

SSBWaWFnZ2kgRGkgUm9ieQ==

Ultime notizie

News:
TORINO FILM FESTIVAL 40 - The Beat Bomb

Presentato al Torino Film Festival, nella sezione Ritratti e Paesagg...

Continua News:

TORINO FILM FESTIVAL 40 - Giancarlo Scarchilli: "Il mio Pasolini" News:

News:
TORINO FILM FESTIVAL 40 - Giancarlo Scarchilli: "Il mio Pa...