Desktop CinemaItaliano.info - Tutto il nuovo cinema italiano lo trovi qui
Max-width 100% Max-width 100% -

Gli Anni Folli della Velocita' - Addio in Febbraio (2022), di Gabriele Ogiva
locandina di "Gli Anni Folli della Velocita' - Addio in Febbraio"

Cast

Con:
Marco Di Stefano
Elena Schiavoni
Donatella Pompei
Fratelli Marconi
Tanya Khabarova
Elena Malozemova
Augusto II Libertad Betancourt

Soggetto:
Gabriele Ogiva

Sceneggiatura:
Gabriele Ogiva

Musiche:
Lucio Matricardi

Montaggio:
Federica Biondi

Costumi:
Fratelli Marconi

Scenografia:
Gabriele Ogiva

Fotografia:
Gian Marco Isoli

Suono:
Michele Conti (mix)

Produttore:
Gabriele Ogiva

Supervisione alla regia:
Mauro Conciatori

Consulenza storica:
Elena Turchi

Direttore di produzione:
Maria Libera Ranaudo

Trucco:
Zoe Perfetti

Assistente scenografa:
Zoe Perfetti

Primo operatore:
Gian Marco Isoli

Secondo operatore:
Stefano Isoli

Assistente di produzione:
Alessia Mele
Regia: Gabriele Ogiva
Anno di produzione: 2022
Durata: 60'
Tipologia: documentario
Genere: biografico/storico
Paese: Italia
Produzione: Ogiva Production
Distributore: n.d.
Data di uscita:
Formato di proiezione: DCP, colore
Titolo originale: Gli Anni Folli della Velocita' - Addio in Febbraio
Altri titoli: The Crazy of Years of Speed was My Father - Era Mio Padre - Gli Anni Folli della Velocita'

Sinossi: Il film ripercorre l'avventurosa vita di Bruno, italiano emigrato in Argentina nel dopoguerra per amore della cugina Delia, amore che durerà per tutta la vita.
Dopo la morte di Delia, Bruno fa ritorno alla sua città, Ancona, che aveva lasciato 50 anni prima per raggiungere Delia a Buenos Aires. Ritroverà tutti i luoghi, le persone , gli oggetti della sua giovinezza e una nipotina che non ha mai conosciuto, in un viaggio dove i confini tra la realtà e l'immaginazione sono labili.

Sulla tecnica narrativa del flashback il protagonista rivive , attraverso i luoghi della sua infanzia, le esperienze più significative della sua adolescenza che hanno tutte come filo conduttore una famiglia e un padre fuori dall'ordinario. Con questo espediente narrativo il film riesce a ricreare il clima del dopoguerra in una città di provincia come Ancona, uscita pesantemente ferita dal secondo conflitto mondiale ma capace di rialzarsi creando una fucina di personaggi e caratteristi che la resero un’ importante città a livello culturale.

Il film sotto forma di docu fiction è il prewal del film doc “Gli Anni folli della velocità, vite straordinarie” prodotto da Gabriele Ogiva nel 2020 e ricrea a ritroso la prima parte del racconto, capace di intenerire lo spettatore il quale viene coinvolto in una girandola di emozioni provocando un senso di commozione come quando si getta lo sguardo su un vecchio album di fotografie. Da questo punto, "Addio in Febbraio, Ritorno ad Ancona" è un film sulla memoria collettiva dell’immaginario di una intera generazione, nata sotto il rumore delle bombe. A far da cornice al film anche in questo capitolo inediti storiche ed emozionanti pellicole 8 mm.

Ambientazione: Ancona

Periodo delle riprese: Estate 2021

SSBWaWFnZ2kgRGkgUm9ieQ==