Max-width 100% Max-width 100% -

Le Jardin des Merveilles (2012), di Anush Hamzehian

Cast


Soggetto:
Anush Hamzehian

Sceneggiatura:
Anush Hamzehian

Montaggio:
Laurence Miller

Fotografia:
Alessandro Comodin

Suono:
Enrico Fiocco
Regia: Anush Hamzehian
Anno di produzione: 2012
Durata: 52'
Tipologia: documentario
Genere: ambiente/sociale
Paese: Francia
Produzione: Point du Jour, France 3 Corse
Distributore: n.d.
Data di uscita:
Formato di ripresa: HD Cam
Formato di proiezione: HD, colore
Titolo originale: Le Jardin des Merveilles
Altri titoli: L'Orto delle Meraviglie

Sinossi: Nel carcere della Giudecca, una striscia di terra, una delle isole di Venezia, c’è un orto: l’Orto delle Meraviglie. Non ci sono telecamere nell’Orto delle Meraviglie, non ci sono guardie, c’è solo il rumore della laguna. Sembra quasi di poterla toccare se si chiudono gli occhi quella laguna. In un cantiere navale adiacente al carcere fischia una vecchia canzone veneziana, da un appartamento che si affaccia sull’orto arriva il profumo di un sugo al pomodoro. Dal mare arriva impietoso l’odore salmastro, inconfondibile, delle acque.
"Le Jardin des Merveilles" non è un elogio del carcere, anzi l’elogio è esattamente il contrario di quello che il film racconta. Seguo alcune donne, aggrappate alla vita attraverso una rapa o una ciliegia. Quella volontà di rimanere in contatto con una specie di “vita vera” è pregna di poesia. Nei sorrisi delle detenute al lavoro è racchiuso il senso ultimo di questo documentario.

Ambientazione: Carcere della Giudecca (Venezia)

SSBWaWFnZ2kgRGkgUm9ieQ==


Foto