Max-width 100% Max-width 100% -

Lo Scontrino Buttato (2018), di Antonio Dalla Libera
locandina di "Lo Scontrino Buttato"

Cast

Interpreti:
Marco Tizianel (Massimo Liberti)
Francesco Orlotti (Gianni Balanzoni)
Donatella Allegro (Sonia)
Adelmo Macchioni (Paolo Palmieri)
Danilo Nicola De Summa (Pietro Rosi)
Debora Marzaduri (Lucia Macchi)
Nicola Fabbri (Petri)
Elena Poletti (Sorella di Sonia)
Matteo Brunello (Primo Poliziotto)
Luigi Russo (Secondo Poliziotto)
Eloisa Macri' (Moglie di Rosi)
Cristina Benfenati (Madre di Lucia)
Luca Cottinelli (Barista)

Soggetto:
Giorgio Riccardi (Idea)
Antonio Dalla Libera
Marianna Perfetti

Sceneggiatura:
Antonio Dalla Libera
Marianna Perfetti

Musiche:
Johannes Brahms (Brano "Sinfonia n. 4 in mi minore Op. 98")
Gottfried Heinrich Stoelzel (Brano "Bist du bei mir, BWV 508")

Montaggio:
Lola Capote Ortiz

Effetti:
Damiana Politini
Jessica Livelli

Fotografia:
Stefano Nardella

Suono:
Alessandro Gaffuri (Presa Diretta e Mix)
Bruno Battaglia (Secondo Fonico)

Riprese:
Salvatore Di Fina

Trucco:
Damiana Politini

Trucco:
Jessica Livelli

Color Correction:
Lola Capote Ortiz
Regia: Antonio Dalla Libera
Anno di produzione: 2018
Durata: 99'
Tipologia: lungometraggio
Genere: drammatico/poliziesco
Paese: Italia
Produzione: Arancine
Distributore: n.d.
Data di uscita:
Formato di proiezione: HD, colore
Titolo originale: Lo Scontrino Buttato

Sinossi: Massimo Liberti è un giornalista freelance di Ferrara che, senza alcun preavviso, scompare, non si presenta più nelle redazioni e nessuno sa più niente di lui. La sua compagna sporge denuncia e partono le indagini da parte della polizia, condotte dall'ispettore Gianni Balanzoni, zelante e appassionato nel proprio mestiere. Questi ricostruisce gli ultimi sei mesi della vita quotidiana di Massimo in base a un mazzetto di scontrini fiscali che, curiosamente, il giornalista era solito conservare. Dalle indagini risulterà che Massimo si trovava spesso a Bologna, dove frequentava Paolo Palmieri, un anziano insegnante in pensione, e Sonia, una giovane infermiera presso il Pronto Soccorso. La ricerca dello scomparso diventa per Balanzoni quasi una missione, avvicinandosi con la propria ricostruzione alla presunta realtà dei fatti, subendo, d'altro lato, la frustrazione di non aderirvi perfettamente, come avviene per due linee asintotiche.

Ambientazione: Bologna

SSBWaWFnZ2kgRGkgUm9ieQ==


Links correlati