Max-width 100% Max-width 100% -

Note di regia del documentario "Thyssenkrupp Blues"


Note di regia del documentario
Le riprese di questo film sono iniziate nel maggio del 2007. Stavamo cercando i protagonisti per un documentario sulla vita quotidiana di operai. Abbiamo incontrato uomini e donne, spesso senza bandiere, con le loro fragilità, amori e desideri. Diversi dall’immagine compatta di “classe” a cui eravamo abituati.
È in questo modo che abbiamo conosciuto Carlo. Mai avremmo immaginato che la morte sarebbe entrata a segnare la sua vita.
"Thyssenkrupp Blues" racconta una società, la nostra, in cui lavorare può voler dire morire.
"Thyssenkrupp Blues" racconta una storia di solitudine e di abbandono che ci riguarda.
La dissoluzione della fabbrica di Carlo è avvenuta in situazioni tragiche e ha fatto rumore. La maggior parte di noi silenziosamente e anonimamente è privata di relazioni solidali.
Carlo è un giovane uomo che vive nel Nord Italia e lavora sette anni per una delle industrie del settore siderurgico più note al mondo. La sua è la storia di un eroe sconosciuto che lotta ogni giorno per sopravvivere e per conservare integra la sua identità. Volevamo raccontare la drammaticità del suo quotidiano quando d’improvviso quel quotidiano è stato violentato dall’orribile rogo che ha distrutto sette vite, straziato famiglie e compagni di lavoro.
La tragedia ha cambiato la vita di Carlo per sempre. Cambiando per sempre anche il nostro film e lasciandoci ancora più soli. Un film così non vogliamo raccontarlo mai più.

Pietro Balla e Monica Repetto

Ultime notizie

News:
IGNOTI ALLA CITTA' 2022 - Dal 6 all'8 luglio a Mola di Bari

Dal 6 all’8 luglio 2022 ritorna nel Castello Angioino-Aragonese di M...

Continua News:

IL CINEMA RITROVATO 36 - Il 28 giugno proiezione di "Les Mains Libres" di Ennio Lorenzini News:

News:
IL CINEMA RITROVATO 36 - Il 28 giugno proiezione di "Les M...