banner430X45

"Oil" di Massimiliano Mazzotta vince la
4° edizione del Flower Film Festival


"Per lo stile del film, per la compiutezza di indagine, per la ricchezza di informazioni e per l’equilibrio". Queste sono le motivazioni che hanno condotto la giuria (composta da Luigi Franchi, Fernando Ferrigno ed Enzo Lavagnini) ad assegnare il premio del concorso “Silver Flower” a Massimiliano Mazzotta per “Oil”, film di denuncia della situazione degli abitanti di Sarroch, in provincia di Cagliari, che vivono a stretto contatto con le emissioni del petrolchimico del gruppo Saras e Polimeri Europa. Il rapporto tra l’uomo e la natura in tutte le sue forme ed espressioni è stato, infatti, il tema della quarta edizione del Flower Film Festival, rassegna con concorso internazionale di cinema, che si è tenuta ad Assisi dal 16 al 18 luglio, ed è stata costellata da tre giorni di proiezioni di documentari, film, lungometraggi, cortometraggi e videoclip per cinema e televisione.

Altri premi hanno caratterizzato gli ultimi due giorni della manifestazione organizzata dall’associazione “Palladium productions”: sabato 17 luglio, il premio alla carriera “Platinum Flower” è stato assegnato a Luigi Di Gianni, maestro del cinema antropologico, che vanta una lunghissima carriera sia come regista che come docente ed è molto apprezzato anche all’estero (nel 2006 gli è stata attribuita dall’Università di Tubinga in Germania la laurea honoris causa per meriti nel campo cinematografico di ispirazione antropologica); il premio “Palladium Flower”, per l’alto valore etico e morale, è andato invece, domenica sera, a Karma Chukey, Piero Verni e Mario Cuccodoro con “In marcia verso il Tibet”, documento di estremo interesse che descrive, dal marzo all’agosto 2008, il più importante avvenimento politico nella storia della diaspora tibetana.

19/07/2010, 13:40