Max-width 100% Max-width 100% -

"Destino e finitezza", tutto il cinema di Valerio Zurlini


"Non sono un proletario. Sono di un mondo borghese. E la borghesia ha altri problemi e altre istanze".

Parole dello stesso Valerio Zurlini, poste in quarta di copertina per far capire subito chi era e cosa raccontava uno dei pių grandi registi "sottostimati" del dopoguerra italiano, un autore che avrebbe meritato di essere sugli altari insieme ai "soliti" Fellini, Visconti, De Sica e Rossellini, e che invece č stato per lungo tempo dimenticato.

Il merito di questo volume a cura di Enzo Di Mauro e Giancarlo Mancini č soprattutto questo, aver dato lustro alla carriera di Valerio Zurlini.

Otto saggi (firmati anche da Silvia Tarquini, Anton Giulio Mancino, Franco Cordelli, Alessandro Borri, Massimo Raffaeli ed Edoardo Zaccagnini) dedicati a vari aspetti del suo cinema, e non poteva mancare un testo sul film forse pių importante del regista, "La prima notte di quiete" con Alain Delon e Lea Massari.

Un testo importante questo "Destino e finitezza", da cui partire per iniziare la riscoperta di Zurlini, "un cavaliere solitario, mite e combattivo".

09/04/2011, 11:36

Carlo Griseri

Ultime notizie

News:
LAGO FILM FESTIVAL 19 - Dal 22 al 30 luglio a Revine Lago

Dal 22 al 30 luglio 2022 ritorna Lago Film Fest, il festival indipen...

Continua News:

UNGULATI - Anteprima a Torino il 15 giugno News:

News:
UNGULATI - Anteprima a Torino il 15 giugno