Max-width 100% Max-width 100% -

Note di regia del film "Una Donna per la Vita"


Note di regia del film
Perché ho deciso di dirigere un film?
Comincio con questo lavoro circa venticinque anni fa, ma prima di fare l’attore facevo il batterista e per un lungo periodo della mia vita artistica mi sono visto come un musicista che faceva l’attore. A differenza di tanti colleghi, pur bravi e qualche volta anche più bravi di me, io non ho mai pensato solo ed unicamente alla riuscita del mio personaggio. Ho sempre diviso la mia attenzione e la mia concentrazione equamente tra quello che dovevo fare io e quello che era lo spettacolo, il film, la trasmissione, la fiction o qualunque altra cosa io stessi facendo. Non ho mai scelto di farlo, anche perché penso che qualche volta la cosa possa essere andata a discapito del risultato finale della mia prestazione, ma mi è sempre venuto naturale e spontaneo. Forse è proprio il mio passato di batterista che mi ha dato questa caratteristica. Forse il fatto di essere abituato a dover dare il ritmo e la compattezza al gruppo che suonava con me ha fatto sì che io sviluppasi questo modo di fare l’attore. Negli anni il mio è diventato un modo di essere che, per chi mi conosce, rappresenta un po’ il mio marchio di fabbrica. Sono sempre presente in tutto quello che accade, attento a tutto quello che fanno gli altri, che siano attori, cantanti, musicisti o tecnici. Ed inoltre, ho scoperto che amo dirigere i miei colleghi, soprattutto se bravi ed intelligenti. Trovo molto stimolante poter aiutare un personaggio a migliorare dando qualche consiglio all’attore che lo interpreta.
Oggi, dopo tanti anni di lavoro e dopo aver già sperimentato la regia in campo teatrale con buoni risultati ho deciso di voler provare a mettere al servizio di un film tutta questa esperienza e le mie peculiari caratteristiche. Ovviamente, per colmare le mie carenze tecniche vorrei avvalermi di un ottimo direttore della fotografia che mi sostenga e mi aiuti nelle scelte.
Dirigere un film, secondo me, è un po’ come dirigere un’orchestra nell’esecuzione di una sinfonia. Non è necessario sapere suonare tutti gli strumenti, ma averne un’infarinatura e molto meglio. Ecco… Credo che in questi anni di lavoro in tutti i settori dello spettacolo, abbia avuto modo di conoscere tutti gli aspetti della realizzazione di un film e non vedo l’ora di poter mettere al servizio di una storia tutta questa esperienza.

Perché l’ho scritto?
Qualche anno fa, dopo una lunga relazione, con una ragazza un po’ matta ed incostante a cui volevo molto bene, esasperato dal suo modo di essere piuttosto inconcludente, incontrai una ragazza molto bella, sexy, e capace di prendersi cura di me come mai nessun altra aveva fatto. Lasciai Yvonne e cominciai un’intensa relazione con la nuova fiamma. Che meraviglia. Era dolcissima, accomodante, paziente, intelligente, disposta a sacrificarsi per me e sempre bella ed attraente. Era la donna perfetta.
Infatti, dopo solo sette mesi e per la prima volta nella mia vita fui piantato in asso e scoprii anche che la “donna perfetta” aveva una relazione con un altro. Non ho mai capito bene quale dei due colpi sia arrivato prima, ma credo che non sia molto importante. Ma quale fu la grande sorpresa di tutta questa storia? Che a raccogliere i cocci del mio amor proprio ferito ed umiliato fu Yvonne. La
donna che io avevo lasciato per l’altra, che mi aiutò a superare la mia crisi standomi vicino senza nessun secondo fine, non ci siamo mai rimessi insieme o cose del genere, solo per affetto. La morale che avevo imparato è che molte volte la routine e l’abitudine non ci fa vedere più quanto è importante e alcune volte necessaria la persona che abbiamo affianco e ci può far prendere delle grandi cantonate sulle quelli che fingono di essere qualcosa di diverso da quello che sono in realtà per il loro tornaconto.

Questa è la storia che ho scritto con la collaborazione di un bravissimo e pieno di doti tecniche Andrea dal Monte. Per raccontare una storia interessante, secondo me, non bisogna raccontare una storia di tutti i giorni, come spesso accade nel nostro cinema, ma una storia straordinaria, eccezionale, che porti un concetto semplice fino all’altezza dei sogni delle persone. Questo è il cinema che immagino io. Un cinema che rende interessante e straordinario quello che nella vita ci sembra scontato e banale. Il tutto condito da un sano divertimento. Eh si, perché perdonerete il mio vizio, ma adoro far ridere le persone.

Perché ambientarlo a Napoli?
La storia che narra “ La donna della mia vita” è una storia universale, che potrebbe essere ambientata in qualunque parte d’Italia o del mondo. È una storia che racconta di sentimenti che tutti possono capire indipendentemente dal luogo.
Ma io sono napoletano ed il film è legato in qualche modo al turismo. Il mio personaggio è il concierge di un grande albergo e tutta la vicenda ha bisogno di ambientazioni paesaggisticamente valide. E allora mi sono detto: facciamo un po’ ricordare all’Italia che la mia città di provenienza non è fatta solo di delinquenza, camorra, miseria, degrado, immondizia, violenza, ignoranza come alcuni straordinari film hanno saputo raccontare e come film un po’ meno ispirati hanno continuato a ripetere. La mia città è fatta anche di persone intelligenti, simpatiche con un grande senso dell’ironia, che abitano in una città fatta di luoghi geograficamente eccezionali, che storicamente ed artisticamente non hanno nulla da invidiare a città molto più blasonate. Nel film ci sono tante occasioni per raccontare tutto questo e Napoli si presterà a farlo nel migliore dei modi.
Insomma, con questo film mi piacerebbe far ricordare a tutti che dall’altra parte della medaglia delle brutture c’è ancora una cartolina tra le più belle del mondo.

Perché recitare io il ruolo del protagonista?
Perché fino ad oggi, recitare, è la cosa che mi è venuta meglio nella vita.

Maurizio Casagrande

Ultime notizie

News:
ALLA VITA - Al cinema il film di Stephane Freiss girato in...

Un’opera prima coraggiosa e sensibile sull’ortodossia religiosa. È i...

Continua News:

BIOGRAFILM 18 - Il 19 giugno in anteprima "Il Gioco di Silvia" News:

News:
BIOGRAFILM 18 - Il 19 giugno in anteprima "Il Gioco di Sil...