Max-width 100% Max-width 100% -

VALERIA BILELLO - Da MTV al grande schermo


Dal primo ruolo con Pupi Avati nel film "Il Papà di Giovanna" fino alla Giulia in "Pazze di Me" di Fausto Brizzi


VALERIA BILELLO - Da MTV al grande schermo
credits: foto di Piergiorgio Pirrone
La tua carriera inizia come modella e veejey di MTV ed Allmusic. Come sei arrivata nel mondo del cinema?
Valeria Bilello
: Il debutto ufficiale nel mondo del cinema è avvenuto nel 2007 sul set di Pupi Avati "Il Papà di Giovanna", all'epoca conducevo ancora uno show musicale e studiavo regia dopo le dirette quotidiane. È stato un esordio inconsapevole, un'opportunità di esplorare un nuovo mondo e mettere alla prova me stessa.

Da MTV sono usciti negli ultimi anni molti tuoi colleghi veejay che hanno poi intrapreso la carriera cinematografica come Enrico Silvestrin, Massimo Coppola, Francesco Mandelli, tanto per citarne alcuni...
Valeria Bilello
: Già è vero. Ognuno di loro è passato per il cinema utilizzando le proprie caratteristiche, spesso portando se stessi davanti alla macchina da presa. Francesco è un grande attore, è molto più difficile far ridere che commuovere.

Come ci dicevi il tuo primo ruolo è stato nel film "Il Papà di Giovanna" di Pupi Avati. Ci puoi parlare del tuo debutto?
Valeria Bilello
: Quello fu una sorta di battesimo, un bellissimo ricordo. Pupi anche in pochi giorni di riprese mi ha insegnato molto, temo però che il debutto vero e proprio sia avvenuto due anni dopo in "Happy Family" di Gabriele Salvatores, li ho avuto modo di capire davvero le difficoltà del mestiere di attore e Gabriele ha avuto grande cura di me e "Caterina". È stata dura dire addio a quel film.

In seguito hai lavorato con Venier, Lando, Ponti, Silvestrini. Cosa hanno rappresentato questi film nella tua carriera?
Valeria Bilello
: Sono passaggi, prove, esercizi. Nel film di Silvestrini abbiamo riscritto il personaggio insieme, Stefania non era ben delineata e di giorno in giorno sul set aggiungevamo delle piccole cose. Sono fiera di quel film, degli incontri e del significato. Lavorare con un esordiente dopo un premio Oscar ridistribuisce le responsabilità sul personaggio, si sperimenta di più. Ivan nonostante l'età ha sempre tutto sotto controllo.

Arriviamo a Fausto Brizzi, che ti vuole in "Pazze di Me" nel ruolo della fidanzata del protagonista Francesco Mandelli. Ci puoi parlare del tuo personaggio?
Valeria Bilello
: La Giulia di "Pazze di me" doveva sembrare la ragazza ideale per Andrea, una per cui valesse la pena ribaltare le regole in famiglia, convincere le sette donne di casa che quello sbagliato non era lui ma loro. È chiaro che il lavoro fatto in questo caso era in contrasto alle sorelle, Giulia non ha nevrosi, non dice bugie, è dolce, intelligente, atletica, ama gli animali e fino all'ultimo è comprensiva. Mah....

Ci parli un po' delle donne descritte da Brizzi nel film?
Valerioa Bilello
: Le amo tutte. Vivono di convinzioni campate per aria, seguono le loro idee su un binario senza neanche contemplare l'idea che possa non essere quello giusto. Serve il "sacrificio" di Andrea (fratello e figlio) per dimostrare il contrario. Per semplificare si chiamano nevrosi ma sinceramente a me sembra il terribile destino umano. Detto così parrebbe un film drammatico ma vi assicuro che si ride parecchio!

Quali sono i tuoi prossimi progetti cinematografici? Quando ti rivedremo sul grande schermo?
Valerioa Bilello
: Sarò Alessandra nel prossimo film di David Frankel, "One Chance". Avrò a che fare con la musica e il bravissimo James Corden. Non posso dirvi di più!

29/01/2013, 13:45

Simone Pinchiorri

Ultime notizie

News:
TOSCANA FILMMAKERS FESTIVAL 7 - "Icaro": uno sprazzo di vita

Ci sono molte cose dentro di noi che non possono essere spiegate a p...

Continua News:

ANICA - Cattleya, Groenlandia, Picomedia e Wildside a colloquio News:

News:
ANICA - Cattleya, Groenlandia, Picomedia e Wildside a coll...