Max-width 100% Max-width 100% -

BERLINALE 63 - La "Materia Oscura" da Berlino a Parigi


Il documentario sul poligono e le conseguenze sul territorio, presentato nella sezione Forum del 63° Festival Internazionale del Cinema di Berlino, parteciperà alla 35ma edizione di Cinéma du Réel


BERLINALE 63 - La
Un'immagine di "Materia oscura"
Il documentario di Massimo D’Anolfi e Martina Parenti ha per protagonista il Poligono sperimentale del Salto di Quirra, situato in una regione della Sardegna compresa tra le provincie di Cagliari e Nuoro, dove per oltre cinquant'anni gli eserciti di tutto il mondo hanno sperimentato nuovi strumenti bellici e fatto brillare bombe, missili e ordigni di ogni tipo. Le conseguenze sono immaginabili. L’intera area è ormai contaminata, con irreparabili danni all’ecosistema, e dove uomini ed animali hanno cominciato a subire malformazioni misteriose e gravissime note come la sindrome di Quirra.

Una realtà dove tutt'ora sussistono omertà, intimidazione e connivenze istituzionali. "Non eravamo più sicuri di fare questo film quando è partita l’indagine del procuratore Fiordalisi, ma l’effetto mediatico si è esaurito velocemente e abbiamo capito che c’era spazio, tempo e modo per farlo", hanno dichiarato i due registi, già autori de "Il castello" (documentario sull’aeroporto di Malpensa visto come luogo dove burocrazia, procedure e controlli mettono a dura prova la libertà dei passeggeri).
Un film fatto di immagini e suoni, senza una voce narrante e organizzato in tre movimenti: il primo mostra un geologo che si aggira in un paesaggio brullo e spazzato dal vento, alla ricerca di tracce di inquinamento, tra carri armati arrugginiti, torrette in decomposizione, residui bellici e missili. Una parte centrale che racconta il poligono internamente con immagini di repertorio sottratte agli archivi militari. Mentre l’ultimo atto svela, con struggente lirismo, gli effetti tragici delle attività militari su un’area ridotta ormai ad un vero e proprio cimitero.
"Non si tratta di un reportage giornalistico, noi volevamo fare un film che parlasse di cinema, perché la potenza del cinema sta prima di tutto nella sua capacità di evocare grazie alla forza del racconto per immagini. Spetta alla procura di Lanusei, dover trovare le prove per spiegare perché in un'isola a vocazione turistica si muore di pace ".

18/02/2013, 18:14

Monica Straniero

Continua...

Ultime notizie

L'AMORE NON SI SA - Posticipata l'uscita in sala

La data di uscita del 2 giugno 2021, precedentemente comunicata per...

Continua

LOVERS 36 - Anteprima del film "Maschile singolare"