Max-width 100% Max-width 100% -

Al via la XIII edizione del Festival
del Cinema Indipendente di Foggia


Al via la XIII edizione del Festival del Cinema Indipendente di Foggia
Taglio del nastro per la XIII edizione del Festival del Cinema Indipendente, organizzato dalla Provincia di Foggia: si comincia sabato 29 marzo, alle ore 19.00, a Laltrocinema, in via Duomo, con l’inaugurazione dedicata a Federico Fellini.

Verrà proiettato il backstage “Ed ecco a voi…!” girato da Ferruccio Castronuovo, regista e attore di Vico del Gargano, sul set del film “Ginger e Fred”, pellicola del 1985, con Giulietta Masina e Marcello Mastroianni, che fa satira sul consumismo culturale e sul mondo dei network televisivi privati, schiacciati da audience e pubblicità
La macchina da presa 16mm di Castronuovo documenta i più curiosi retroscena della lavorazione del film, sottolineati anche da Mino Guerrini, autore del testo. Non si tratta, dunque, del solito backstage – peraltro, restaurato in Beta Digital 2003 a Cinecittà Studios -, ma di un vero e proprio film che permette allo spettatore di scoprire un Fellini inedito mentre confeziona abilmente il suo film “Ginger e Fred”. A seguire, grazie alla collaborazione con la Fondazione “Centro Sperimentale di Cinematografia – Cineteca Nazionale“, il film “Ginger e Fred“ verrà riproposto al pubblico del Festival.

Con i primi film in concorso si comincia domenica 30 marzo, alle ore 18.00, alla Sala Farina, in via Campanile, 10, con la proiezione del film “Parla con gli alberi” (titolo originale "Talking to the Trees") di Ilaria Borrelli e Guido Freddi, che saranno presenti in sala per il dibattito con il pubblico. Si tratta di un film contro la prostituzione minorile, che sostiene Ecpat-Italia onlus, organizzazione che dal 2006 lavora in Cambogia per proteggere i bambini dal rischio di sfruttamento sessuale. La pellicola ha anche il sostegno di Amnesty International e dell’Unicef.

Alle 20.00, sempre alla Sala Farina, si prosegue con il primo degli eventi speciali in calendario, dedicato a Maria Marcone, la scrittrice foggiana scomparsa lo scorso mese di gennaio, autrice di numerose opere pluripremiate, tradotte in varie lingue. Tra le sue opere più importanti anche “La casa delle donne“, romanzo da cui è stato tratto l’omonimo film di Mimmo Mongelli, uscito nel 2003, che verrà riproposto al Festival. Interverrà l’attore Vito Lopriore, che ricorderà i giorni di lavorazione sul set del film.

Alle ore 22.00, ancora alla Sala Farina, verrà proiettato il secondo film in concorso, “Il pasticciere” di Luigi Sardiello, che interverrà alla proiezione, insieme agli attori Rosaria Russo e Antonio Stornaiolo. ll film racconta la storia di Achille Franzi, un pasticciere sensibile e raffinato, la cui vita è rigorosamente scandita dai tempi di ordinazione, preparazione e consegna dei dolci. I clienti sono il suo unico contatto con il mondo esterno, in grado di garantirgli una vita quieta, ripetitiva e al riparo da ogni sorpresa. Ma un giorno, suo malgrado, uno scherzo del destino lo costringe a entrare nei panni di un finanziere senza scrupoli che ha ordito una truffa colossale. Da questo momento la sua vita cambierà radicalmente.

Lunedì 31 marzo, al Festival prendono il via anche i laboratori didattici riservati agli studenti degli Istituti scolastici che hanno aderito all’iniziativa. Si tratta di tre giornate a cura del regista Antonio Fortarezza, in programma al Cineporto di Foggia, in via San Severo, al Km 2,00, a partire dalle ore 9.30. Altri workshop saranno svolti, il 3 e il 4 aprile, da Ferruccio Castronuovo.

Il pomeriggio, alle ore 18.00, alla Sala Farina, verranno proiettati i primi cortometraggi in concorso.

Alle ore 21.00, sempre alla Sala Farina, il Festival rende omaggio a Foggia nel settantesimo anniversario dei bombardamenti. Verrà proiettato fuori concorso il cortometraggio “Non voglio parlare della guerra” di Giovanni Rinaldi, ricercatore storico-antropologico, originario di Cerignola. Il cortometraggio è incentrato sulle interviste a tre protagonisti della tragica estate vissuta dal capoluogo dauno nel ’43: Mario Napolitano, Arnaldo De Cristofaro e Mario Muscatiello.

La serata sarà impreziosita da due momenti teatrali, a cura della Compagnia Teatrale “ScenAperta”.

Alle ore 22.00, ancora alla Sala Farina, verrà proiettato il film in concorso “Caccemitt” di Michele Creta, prodotto e ambientato a Lucera. Il film è una commedia musicale grottesca incentrata su una notizia che sconvolge il centro federiciano: un archeologo parigino afferma, infatti, che la corona della statua della Santa Patrona del paese, Santa Maria, è di origine francese. Aspettando una risposta da parte del Vaticano, la corona viene tolta dalla statua e messa in una banca di massima sicurezza. Il panico dilaga tra i fedelissimi paesani. Tre ragazzi del paese, che combattono la noia bevendo birre, fumando marijuana e suonando musica rock, ma soprattutto totalmente ignari dell’accaduto, vengono coinvolti nella faccenda. Appare loro un angelo dal quale ricevono una missione divina: recuperare la corona di Santa Maria. Tra miracoli, visioni e leggende popolari, i tre s’imbattono in una serie di personaggi grotteschi che li aiuteranno a compiere la missione. Ma per loro le cose non andranno per il verso giusto.

28/03/2014, 21:02

Ultime notizie

News:
JAMES IVORY, CLASSICO E CONTEMPORANEO - Dal 14 febbraio a ...

Dal 14 febbraio presso Cineteca Milano MIC si terrà la rassegna JAME...

Continua News:

GRINDHOUSE, THE NEW EUROPEAN GENRE IS COMING - Il nuovo progetto di Europa Cinemas News:

News:
GRINDHOUSE, THE NEW EUROPEAN GENRE IS COMING - Il nuovo pr...