Max-width 100% Max-width 100% -

Note di regia de "I Sogni del Lago Salato"


Note di regia de
Se avessi ascoltato la ragione probabilmente non sarei partito.
Non cercavo qualcosa di preciso. In questo film, più che in molti altri, ho semplicemente seguito il desiderio e l’istinto.
E’ il privilegio del cinema documentario. E’ l’emozione del cinema documentario.
Una libertà di sguardo e di pelle, che proverò a seguire sempre.
Volevo andare in Kazakistan. Perdermi in terre di confine, in orizzonti talmente ampi da diventare intimi. “I sogni del lago salato” sono sogni che ho cercato nelle steppe asiatiche e che ho poi ritrovato nella cantina di mio zio Alberto (cugino direbbe lui), dove piccoli antichi sogni erano custoditi nelle pellicole 8 mm di 50 anni fa.
Sono sogni che l’umanità ciclicamente prova a fare, senza avere il coraggio di fermarsi, di chiedersi cosa rimane indietro.
Negli ultimi anni questi sogni sono accelerati a tal punto che per la mia generazione è diventato invece necessario iniziare a chiederselo. Stiamo contando le ferite e abbiamo voglia di fermarci. Abbiamo voglia di non accettare che gli orizzonti siano solo quelli della necessità di crescere.
A me lo ha insegnato Sozial, un pastore in riva al Mar Caspio, sotto la prima tempesta di neve dell’inverno scorso.
In Kazakistan. Non così lontano da qui.

Andrea Segre

Continua...

Ultime notizie

MI PIACE SPIDERMAN...E ALLORA? - Un corto sugli stereotipi...

Ispirato all’omonimo romanzo di Giorgia Vezzoli, il nuovo cortometra...

Continua

C'E' TEMPO - Il 21 maggio in prima serata su Rai3