Max-width 100% Max-width 100% -

VENEZIA 72 - "Milano 2015"


Elio, Roberto Bolle, Silvio Soldini, Walter Veltroni, Cristiana Capotondi e Giorgio Diritti firmano un racconto sulla nuova Milano e sulla sua rinascita


VENEZIA 72 -
Cristiana Capotondi, regista in "Milano 2015"
È l'esigenza di sottolineare ogni tre secondi di essere i migliori a rendere "Milano 2015" un film eccessivamente pieno di sé . Il documentario, firmato da sei registi per sei episodi, racconta in maniera anche piacevole la svolta di una città, la sua rinascita dalle ceneri di scandali e disgrazie. Milano c'è e si vede, è nuova e funziona alla grande, è ricca di professionalità, attenta alle minoranze e agli artisti, ma l'esigenza di aggiungere al racconto di queste indubbie qualità aggettivi e superlativi appare decisamente superflua e controproducente.

Più che registi, testimoni, occhi che ci raccontano da punti di vista diversi il carattere di una Milano nuova. Solo Soldini e Diritti dimostrano di essere registi, mentre per gli altri tra camera-car, di moda quando c'era ancora Brosio davanti al Palazzo di Giustizia, e chilometri di viaggio e di "pellicola" su tram e metropolitane efficientissime, la mano si sente meno anche se il risultato rimane pulito e soddisfacente, narrativo ma televisivo.

"Milano 2015" è un manifesto curioso ma non assoluto, fotografia costruita intorno all'idea di una città che forse si guarda troppo allo specchio.

11/09/2015, 19:34

Stefano Amadio

Ultime notizie

News:
OMAGGIO A GIUSEPPE BERTOLUCCI - Il 15 giugno al Teatro Arg...

"Nel ricordo di Giuseppe Bertolucci, a dieci anni dalla sua morte" è...

Continua News:

Note di regia di "What Has Left Since We Left" News:

News:
Note di regia di "What Has Left Since We Left"