Max-width 100% Max-width 100% -

L'ESIGENZA DI UNIRMI OGNI VOLTA CON TE - Siate esigenti...


Tanti primi piani intensi per capire cosa pensano gli attori nel film diretto da Tonino Zangardi. Una storia presa dalla cronaca per mostrare la vicenda di una donna e la ricerca di una nuova vita. Con Claudia Gerini e Marco Bocci interpreti principali, prodotto da minerva con Rai Cinema e Mibact, sarā in sala da giovedė 24 distribuito da Microcinema


L'ESIGENZA DI UNIRMI OGNI VOLTA CON TE - Siate esigenti...
Claudia Gerini č Giuliana nel film di Tonino Zangardi
Non basta un evento di cronaca per spingere a realizzare un film come "L'Esigenza di unirmi ogni Volta con Te". Tonino Zangardi ha trovato lė, in un caso di omicidio coniugale, lo spunto per raccontare la storia di Giuliana e Leonardo, interpretati da Claudia Gerini e Marco Bocci ma, come detto, il "caso" non basta per confezionare qualcosa da presentare al mercato, allo spettatore ormai abituato alle serie tv americane (ma anche alcune italiane) e che dovrebbe prendersi l'onere di andare fino al cinema per vederla.

La storia della donna ignorata dal marito che trova un nuovo interesse sessuale e sentimentale č vecchia come il cucco e Zangardi insieme agli altri sceneggiatori Beba Slijpcevic e Angelo Orlando, riesce a renderla del tutto indifferente creando dei personaggi vuoti e mono-espressivi. Marco Bocci, sempre perfettamente spettinato, ha lo stesso ghigno trasversale sofferente dalla prima all'ultima battuta, da quando paga un panino con la mortadella a quando decide di scappare dalla polizia. Come del resto Claudia Gerini, semplice commessa ma con qualcosa dentro, qualcosa in pių rispetto alle altre colleghe sciocche. E la stessa faccia tra lo scontento, il curioso e il rassegnato dall'inizio alla fine, mentre legge i codici a barre e mentre fa sesso sfrenato. Ma anche Martino, il marito di lei, malcapitato francese interpretato da Marc Duret non se la cava meglio ma almeno nel raptus finale cancella dalla faccia il sorriso ebete che si portava dietro dalla prima inquadratura. E vogliamo parlare del polizotto Vito interpretato da Antonio Iuorio? Ma sė parliamone... Filosofo contemporaneo che non dialoga, pontifica. Su ogni argomento dice la sua come se la leggesse sulle tavole di Mosč: dalla barretta dietetica, alla moglie del collega per finire con le donne moderne. Insopportabile!

Il film di Tonino Zangardi, finanziato da una commissione ministeriale di "esperti", ha un sapore antico in tutti i suoi aspetti: storia, dialoghi, primi piani, recitazione, motivazioni e anche agganci con la cronaca. Insomma un prodotto improbabile sin dal concepimento, passando per scrittura e realizzazione, buono per una prima serata di Rai Uno neanche troppo garantita.

22/09/2015, 18:48

Stefano Amadio

Ultime notizie

News:
COTE' COURT 31 - Menzione speciale per "I Santi"

Il cortometraggio "I Santi" di Giacomo Abbruzzese, prodotto da Films...

Continua News:

MICHELA SCOLARI . Premiata con il "New Generation In Action" per "The Jokers" News:

News:
MICHELA SCOLARI . Premiata con il "New Generation In Actio...