Max-width 100% Max-width 100% -

Note di regia di "The Second Closet"


Note di regia di
Raccontare una relazione violenta è complesso, ma raccontare la relazione violenta tra due donne presenta una difficoltà in più, perché la manifestazione di forza brutale non viene associata al genere femminile e non viene contemplata socialmente, così spesso i tentativi di denuncia cadono nel vuoto, tra la derisione o l’incredulità di chi dovrebbe essere deputato all’ascolto. The Second Closet racconta la violenza attraverso il crescendo di ricatti e compromessi, la guerra dei piccoli gesti ed il silenzio elettrico che precede l’esplosione. Il film mostra la frantumazione della memoria e del tempo vissuto dalla protagonista Miki che si trova sul confine tra la nostalgia idealizzante della sua storia d’amore e la necessità di liberarsi da una relazione che è diventata sempre più una prigione. Raccontare con un film la violenza psicologica e fisica all’interna di una relazione affettiva tra due donne, e soprattutto spiegare il fatto che la denuncia della violenza in ina situazione come questa non sia socialmente contemplata, ha assunto un forte valore politico.

Sara Luraschi e Stefania Minghini Azzarello

Ultime notizie

News:
RIVER FILM FESTIVAL 16 - I vincitori River Educational

Il 13 maggio 2022, giornata conclusiva del Riiver Film Festival, all...

Continua News:

News:

News:
MARTIN EDEN - Il 19 giugno su Rai Storia per il ciclo “Bin...