Max-width 100% Max-width 100% -

TAORMINA FILMFEST 63 - Dal 6 al luglio


TAORMINA FILMFEST 63 - Dal 6 al luglio
Appuntamento dal 6 al 9 luglio con la 63. edizione del Taormina FilmFest: il festival, tra i più antichi e prestigiosi del panorama cinematografico italiano, si presenta quest'anno con una veste rinnovata, all'insegna della contaminazione tra le arti, dal cinema alla musica, dal teatro alla letteratura.

Una maratona di cinema italiano e internazionale che punta sulla qualità e l'impegno sociale e culturale, con masterclass, anteprime, proiezioni di documentari patrimonio della cultura siciliana e presenze di grande spessore artistico. Tre le location principali - il Palazzo dei Congressi, il Cinema Olimpia e la Villa Comunale - che diventeranno ben dieci in occasione della Notte del Cinema, in programma sabato 8 luglio.

Due le Masterclass, fiore all'occhiello del festival: il 7 luglio protagonisti saranno Fabio Grassadonia e Antonio Piazza, gli autori di "Sicilian Ghost Story", film d'apertura della Semaine de la Critique del Festival di Cannes, che hanno scelto di mostrare un grande classico della storia del cinema, "La morte corre sul fiume" (The Night of the Hunter, 1955).

Il 9 luglio sarà la volta di uno dei volti più apprezzati del nuovo cinema italiano, Isabella Ragonese: la sua masterclass sarà preceduta dalla proiezione di "Il primo incarico" di Giorgia Cecere. Un omaggio, quello a Isabella Ragonese, che attraversa tutto il festival, con una "personale" che comprende - oltre ai già citati Il padre d'Italia e "Il primo incarico" - anche "Tutta la vita davanti" di Paolo Virzì, "Sole cuore amore" di Daniele Vicari e "Dieci inverni" di Valerio Mieli.

Sei le anteprime nazionali in arrivo dal Festival di Cannes, a cominciare dall'apertura e dalla chiusura, affidate rispettivamente a "Rodin" di Jacque Doillon e "Good Time" di Benny e Joshua Safdie. E ancora: "Becoming Gary Grant" di Mark Kidel, "Hikari (Radiance)" di Naomi Kawase, "Oh Lucy" di Atsuko Hirayanagi e "Le Phantomes d'Ismael" di Arnaud Desplechin. Titoli cui si aggiunge, dalla Quinzaine 2016, "Dog Eat Dog" di Paul Schrader, presto in uscita nelle sale italiane.

L'Italia sarà presente con una selezione molto nutrita, tra lungometraggi, corti e documentari, alcuni anche in prima assoluta, come il nuovo film di Aurelio Grimaldi, "La divina Dolzèdia". E poi "Totò e Vicè" di Umberto De Paola e Marco Battaglia, "Mario soffia sulla cenere" di Alberto Castiglione, "Handy - La rivolta delle mani siciliane" di Vincenzo Cosentino, "La battaglia di Capo Bon" di Ruben Monterosso e Federico Savonitto, "Alamar" di Pedro Gonzales Rubio, "Peggio per me" di Riccardo Camilli e "Sette giorni" di Rolando Colla. E ancora, tra i doc, "La mia Battaglia" di Franco Maresco, "La luce di Pino Pinelli" di Mimmo Calopresti, "Macbeth" di Daniele Campea, "Prova contraria" di Chiara Agnello, "Saro" di Enrico Maria Artale, "Mexico un cinema alla riscossa" di Michele Rho, "La prova" di Ninni Bruschetta e "Nessuno ci può giudicare" di Steve Della Casa e Chiara Ronchini.

Organizzata insiema al Comune di Taormina, l'8 luglio La Notte del Cinema porterà il Taormina FilmFest nei luoghi più suggestivi della città con proiezioni, concerti, mostre, incontri: tre film, "Arancia meccanica" di Stanley Kubrick, "Lezione 21" di Alessandro Baricco e "Amata immortale" di Bernard Rose, dialogheranno con la Nona Sinfonia di Beethoven, eseguita nella stessa sera al Teatro Antico dall’Orchestra e Coro del Massimo di Palermo, diretta da uno dei più grandi direttori d’orchestra del mondo, Zubin Mehta.

Due gli spettacoli dal vivo: in Piazza IX Aprile, il fisarmonicista Pietro Adragna eseguirà le musiche composte da Luis Bacalov per il film "Il Postino"; mentre a Casa Cuseni il pianista Giovanni Renzo accompagnerà dal vivo le immagini del capolavoro del muto "Il Gabinetto del dottor Caligari".

Il Festival ospiterà inoltre numerose presentazioni di libri: "Il set delle meraviglie" di Luciano Mirone, "Marco Tullio Giordana" di Marco Oliveri e Anna Paparcone, "Da Cassino a Hollywood" di Ugo Di Tullio e "Faccio cose, vedo gente" di Giovanni Bogani. L’iniziativa è coordinata da Milena Romeo.

05/07/2017, 17:16