Max-width 100% Max-width 100% -

Note di regia di "Beautiful Things"


Note di regia di
Una scena di "Beautiful Things"
"Beautiful Things" è un viaggio, una storia in quattro atti dove immagini, parole e suoni sono insolubili tra loro; è stato scritto con un approccio musicale, come una partitura in cui le note, le immagini e le parole hanno lo stesso peso e ognuna cerca la propria geometria tra le righe. Il film è dedicato a noi che non sappiamo vivere senza collezionare oggetti. A noi tossici viziosi, bulimici accumulatori. A noi che non riusciamo a vivere nel silenzio. A noi che accettiamo l’idea che la vita possa precederci ma non che i nostri oggetti ci possano sopravvivere. Questo film è un modo per sfuggire al nostro stile di vita, un modo per riflettere su una necessaria via d’uscita. Abbiamo cercato attraverso la nostra malinconia di raccontare l’urgenza di un ritorno al silenzio, la ricerca di un respiro libero dalla compressione della vita immolata al rumore. Questo è il nostro urlo che abbiamo cercato di tradurre in un canto.

Giorgio Ferrero

Ultime notizie

News:
ETRURIA INDIE SHORT FILM FEST - Il 18 giugno a Ladispoli

L'Etruria ISFF è un Festival che si rivolge alla comunità, un polo d...

Continua News:

TRIESTE A ROMA - Dal 21 giugno, nella Casa Argentina 10 produzioni latinoamericane premiate News:

News:
TRIESTE A ROMA - Dal 21 giugno, nella Casa Argentina 10 pr...

Links correlati