Max-width 100% Max-width 100% -

Note di regia di "Taglia Corto!"


Note di regia di
Una scena di "Taglia Corto!"
Una metropoli, un caso di cronaca minore realmente accaduto, una psicosi di massa: il caso è quello di “Jack Lametta”, lo “sfregiatore” romano di ignari passanti, mai arrestato.
La psicosi, nella sceneggiatura, è quella che trapela dalle parole di un docente di Criminologia e della sua allieva, due tra le tante persone che parlano di quella vicenda avvenuta nell’Italia dei primi anni Ottanta, non ancora inquinata dall’invadenza dei mass-media come oggi.
Sull’intera storia aleggiano i versi di un poema di Edgar Allan Poe, “Il corvo”, che è al contempo elegia di un’ossessione e dell’ incapacità di elaborare il lutto. Esattamente come la nostra società sembra incapace di elaborare i delitti che accendono la fantasia; e più l’accendono, più giornali e televisione fanno di tutto per enfatizzarla. Sotto tale aspetto, scoprire l’identità del “maniaco” non dà alcuna catarsi ed è solo un ulteriore segnale che chiunque, per lucida follia, può trasformarsi in “protagonista al negativo”. Con conseguente sillogismo allarmante: il colpevole è un essere umano, noi siamo esseri umani, quindi… tutti noi siamo colpevoli.

Pierfrancesco Campanella

Ultime notizie

News:
OPEN ROADS: NEW ITALIAN CINEMA 21 - Molti dei titoli propo...

Si è conclusa con successo a New York la ventunesima edizione di OPE...

Continua News:

TOSCANA FILMMAKERS FESTIVAL 7 - "Ad Occhi Aperti": Un doc che va dritto ai cuori della gente News:

News:
TOSCANA FILMMAKERS FESTIVAL 7 - "Ad Occhi Aperti": Un doc ...