Max-width 100% Max-width 100% -

LA VITA DAVANTI A SE' - Il ritorno di Sophia Loren


Dal 13 novembre su Netflix il nuovo film di Edoardo Ponti, adattamento del romanzo di Romain Gary, con protagonista il Premio Oscar. La tragedia del campo di concentramento nel ricordo di Madame Rosa e il rapporto con un ragazzino che sembra destinato alla malavita. Con Renato Carpentieri, Massimiliano Rossi, Abril Zamora e l’esordiente Ibrahima Gueye. Una produzione Palomar.


LA VITA DAVANTI A SE' - Il ritorno di Sophia Loren
Sophia Loren in "La vita davanti a sé"
Era dal 2013 che Sophia Loren non compariva in un film, l’ultima volta era stata diretta proprio da suo figlio Edoardo Ponti nel mediometraggio "La voce umana". Il regista torna, così, a dirigere la madre in "La vita davanti a sé" che arriverà direttamente su Netflix e non più nelle sale come film evento.

Il Premio Oscar interpreta Madame Rosa, ebrea sopravvissuta ad Auschwitz ed ex prostituta, che nella sua modesta casa a Bari ospita e accudisce alcuni bambini, figli di prostitute. Il suo medico curante le chiede di prendersi cura del figlio dodicenne senegalese che ha in affidamento, Mohamed, detto Momo, un ragazzo ribelle che sembra destinato a una vita votata alla criminalità. Il rapporto tra Momo e Madame Rosa è da subito difficile, lei è una donna forte e cerca di mettere in riga il ragazzo anche se la vecchiaia e i ricordi del suo passato doloroso stanno ormai mettono a repentaglio la sua salute. Tra i due però, presto, nascerà un legame indissolubile.

Un romanzo di formazione tenero e commovente che vede “un ragazzo di strada” orfano scoprire per la prima volta cos’è l’amore materno trovandolo in Madame Rosa. Il personaggio di Sophia Loren, autorevole, caparbio ma capace di grandi slanci di affetto e dolcezza, una donna che abbiamo visto più volte nella sua filmografia, accoglie su di sé tutta la sofferenza di una vita difficile riuscendo però ancora ad aprirsi agli altri. L’incubo dei campi di concentramento è ancora vivo e la tormenta tanto da avere dei veri e propri “blackout” durante i quali con lo sguardo perso nel vuoto diventa una bambina fragile e spaventata. Per Momo, che non sa nemmeno cosa sia Auschwitz, quei momenti all’inizio sono quasi divertenti ma anche lui capirà, quasi per osmosi, la tragedia che ha vissuto la donna.

Ritorna, quindi, il “mostro” della Shoah, la cui filmografia a riguardo è vastissima, ma Edoardo Ponti per raccontarlo non ricorre ai flashback nei campi di concentramento ma lascia che l’orrore si legga tutto nello sguardo di Sophia Loren e nelle conseguenze che questo ha causato sulla vita del suo personaggio. Di contro c’è anche il ritratto di un’infanzia rubata, quella di Momo, simile a quella di tanti nelle periferie del mondo, che non vive le gioie di un comune adolescente ma “recita” la parte dell’adulto che spaccia. Un po’ come la giovinezza drammatica di Madame Rosa ma Momo grazie al suo amore riesce a salvarsi.

Il duetto tra l’attrice e il talentuoso esordiente Ibrahima Gueye è il fulcro del film, intenso e straziante, ed è emozionante vedere di nuovo recitare uno dei simboli del cinema italiano e rendersi conto che non ha perso il suo piglio e la sua forza espressiva.

29/10/2020, 12:00

Caterina Sabato
;

Continua...

Ultime notizie

MI CHIAMO FRANCESCO TOTTI - In home video dal 3 dicembre

Dopo essere stato presentato all’ultima Festa del Cinema di Roma, "M...

Continua

FESTIVAL DEL FILM DI GERUSALEMME 37 - "Storie dai Boschi d...