Max-width 100% Max-width 100% -

FESTIVAL DI SPELLO 11 - Presentato il programma


Dall’11 al 20 marzo si inaugura la kermesse con l’inaugurazione delle esposizioni dedicate a Piero Tosi e a Tata Giacobetti e al Quartetto Cetra. Premio all'Eccellenza a Marina Confalone.


FESTIVAL DI SPELLO 11 - Presentato il programma
Marina Confalone
Si torna alle date storiche del Festival del Cinema Città di Spello e dei Borghi Umbri - Le Professioni del Cinema promosso dalla presidente Donatella Cocchini con la direzione artistica del regista Fabrizio Cattani che quest’anno giunge all’XI edizione e che si apre l’11 marzo con le mostre dedicate al costumista premio Oscar Piero Tosi, in collaborazione con la Cineteca del Centro Sperimentale di Roma, a cui si affiancherà la mostra di abiti realizzati dal grande maestro e organizzata insieme al Centro Sperimentale di Cinematografia, e a Tata Giacobetti e al Quartetto Cetra presso il “Palazzo del Cinema” (Palazzo Comunale), location che, insieme al Teatro “Subasio”, accoglierà il pubblico per dieci giorni tra proiezioni, mostre, incontri e tante iniziative collaterali. Il Festival toccherà anche le città di Foligno e Perugia.

Undici i film italiani in concorso, tra opere prime e non: “Est - Dittatura Last Minute” di Antonio Pisu, “Fortuna” di Nicola Gelsomini, “Il Buco” di Michelangelo Frammartino, “I Giganti” di Bonifacio Angius, “Il Silenzio Grande"” di Alessandro Gassman, “I Nostri Fantasmi” di Alessandro Capitani, “L’Arminuta” di Giuseppe Bonito, “Lei mi Parla Ancora” di Pupi Avati, “Mi Chiedo quanto ti Mancherò” di Francesco Fei, “Piccolo Corpo” di Laura Samani e “Qui Rido Io” di Mario Martone. Opere che saranno giudicate dai professionisti del dietro le quinte vincitori della precedente edizione, chiamati a scegliere la migliore sceneggiatura, fotografia, scenografia, costumi, musiche, montaggio, fonico di presa diretta, montaggio del suono, effetti speciali, trucco, acconciatura, creatore di suoni ed organizzatore.

In concorso anche 7 film internazionali: “Antigone” di Sophie Deraspe, “El suono de Sigena” di Jesus Garces Lambert, “Il matrimonio” di Icíar Bollaín, “L’uomo che vendette la sua pelle" di Kaouther Ben Hania, “La persona peggiore del mondo” di Joachim Trier, “Sotto le stelle di Parigi” di Claus Drexel e “Una storia di amore e di desiderio” di Leyla Bouzid; 14 backstage tra film e serie tv e 14 documentari.

Come ogni anno sono tre i premi speciali: il “Premio all’Eccellenza” è assegnato all’attrice e regista teatrale Marina Confalone, il premio “Carlo Savina” per l’eccellenza alla musica sarà consegnato dal maestro Federico Savina e dalla famiglia del compositore a Matteo Curallo, compositore, autore di testi, produttore e sound designer. Infine, il “Premio Ermanno Olmi”, giunto alla sua quarta edizione e assegnato dalla famiglia del grande maestro ad un regista che più si avvicina per sensibilità, poetica, autenticità, semplicità e realismo allo stile del grande maestro quest’anno va a Michelangelo Frammartino, regista del film “Il buco”.

Tanti gli ospiti che parteciperanno alla kermesse a cominciare dall’attore Francesco Montanari, che sarà protagonista di un incontro con il pubblico nel primo weekend. E ancora Valeria Fabrizi, Alessandro Sperduti, Denise Tantucci, Ester Pantano, Ginevra Francesconi, Francesco Castiglione, Francesco Foti e Alessio Praticò.

Tra gli eventi collaterali anche quest’anno si terrà la premiazione della terza edizione di “Meno di Trenta” curata da Silvia Saitta e Stefano Amadio con cinemaitaliano.info e dedicata agli artisti del cinema e della serialità televisiva con meno di trent’anni. Saranno premiati quattro giovani talenti: il miglior attore e la migliore attrice per la categoria cinema e per la categoria dedicata alla serialità televisiva.

17/02/2022, 13:01

Caterina Sabato