Max-width 100% Max-width 100% -

BARDOLINO FILM FESTIVAL 2 - Presentato il programma


BARDOLINO FILM FESTIVAL 2 - Presentato il programma
Dopo il successo della prima edizione, torna dal 15 al 19 giugno 2022 il Bardolino Film Festival - Immagini, suoni e parole sull’acqua, presso una delle più rinomate località sulle rive del lago di Garda. Organizzato e sostenuto dal Comune di Bardolino, con la direzione artistica del giornalista e critico cinematografico Franco Dassisti, alla sua seconda edizione Bardolino Film Festival si conferma un appuntamento ricco di contenuti unici in una location dal fascino senza pari.
Due concorsi rispettivamente dedicati a cortometraggi (BFF Short) e documentari (BFF Doc), cinque serate di grande cinema sul lago per la sezione BFF Specials, presentazioni di libri e incontri sul tema portante di questa seconda edizione: "Figli della Terra". Una riflessione sul rapporto tra l’uomo e il pianeta, ma anche sulla transizione green e il legame con le proprie radici, società e cultura.

Tanti saranno i grandi nomi del cinema italiano attesi a Bardolino, protagonisti delle cinque soirée nel corso delle quali saranno assegnati una serie di riconoscimenti speciali del festival. Un parterre di ospiti a testimonianza delle vitalità del nostro cinema, che presenteranno opere tra le più acclamate dal pubblico e pluricandidate sia agli ultimi David di Donatello che ai Nastri d’Argento.
Reduce dal successo all’ultimo Festival di Cannes, sarà sul blue carpet del BFF Pierfrancesco Favino, tra i volti più noti e amati del nostro cinema, che sarà omaggiato con il Premio Bardolino e presenterà l’ultimo film di Mario Martone, "Nostalgia". Il cinema di Mario Martone sarà protagonista anche della serata conclusiva del festival nel corso della quale "Qui rido io" riceverà il prestigioso Premio Ciak d’oro alla presenza del regista, dell’attrice Cristiana Dell’Anna e della sceneggiatrice Ippolita Di Majo.
A ritirare il Premio alla Carriera sarà quest’anno Milena Vukotic, attrice amata del cinema e della televisione nota al grande pubblico per il personaggio leggendario di Pina Fantozzi o più recentemente per quello di nonna Enrica nella serie "Un medico in famiglia", che ha attraversato il cinema e il teatro italiani dagli anni ‘60 ad oggi.
Gli appuntamenti dedicati al cinema al femminile prevedono inoltre il Premio BFF Scintilla a Rosa Palasciano per la sua straordinaria interpretazione in "Giulia" di Ciro De Caro, e Barbara Ronchi, premiata con il BFF Shooting Star per "Settembre", opera prima di Giulia Steigerwalt acclamata da pubblico e critica in sala per 01 Distribution.

Tra gli ospiti della manifestazione anche il regista e sceneggiatore Francesco Bruni, che guiderà la giuria del concorso documentari insieme alla moglie, l’attrice Raffaella Lebboroni, e alla figlia Irene Bruni, fotografa e cinefila: è la prima volta che la giuria di un festival cinematografico viene affidata ad un nucleo familiare. A giudicare i film del concorso cortometraggi saranno invece l’attore e regista Paolo Sassanelli, l’attrice Daphne Scoccia e Alessandro Giorgio, organizzatore del Torino Short Film Market e programmatore presso il Centro Nazionale del Cortometraggio.
A Paolo Sassanelli e Daphne Scoccia il festival dedicherà due speciali omaggi legati al mondo dei cortometraggi, con le proiezioni di "Uerra" e "Ammore," entrambi diretti da Paolo Sassanelli, e di "Piano Terra", "Via Lattea", "Specchio" e "Io sono Matteo", interpretati da Daphne Scoccia.

I titoli dei due concorsi sono tutti selezionati tra le opere di giovani autori che meglio raccontano il tema cardine di questa edizione.
Il Concorso Documentari offre un viaggio tra le storie e i paesi declinando il tema "Figli della Terra" attraverso molteplici sfumature: dalle storie degli hotel abbandonati in Serbia di "Signs of life" di Marko Nikolić alle campagne cinesi investite dalla crisi ecologica di "Earth: Muted" di Åsa Ekman, Oscar Hedin, Mikael Kristersson fino alle strade di una Damasco soleggiata filmata da un gruppo di giovani registi in "Summer, city and a camera" di Anas Zawahri, dalla Napoli di "Addio dolce casa mia" di Ciro Scuotto e "La carovana bianca" di Angelo Cretella e Artemide Alfieri alla storia di immigrazione nella periferia parigina in "Rue Garibaldi" di Federico Francioni. E poi ancora l’eccezionale impresa di due alpinisti in "Primascesa" di Leonardo Panizza, il viaggio alla scoperta delle proprie radici compiuto da Inês Luís e André Marques in "Antes de mim, o fim", i racconti ancestrali intrisi di tradizioni de" La guaritrice Pomak" di Ignazio Mascia e "Sacro moderno" di Lorenzo Pallotta, le storie dei nomadi della città di Amsterdam in "Pagirnis" di Anastasija Pirozenko, la dipendenza e lo sfruttamento della terra in "Slow return" di Philip Cartelli.

Anche la selezione di BFF Short ospita 26 film provenienti da tutto il mondo che vogliono raccontare la terra a 360 gradi, con titoli più strettamente legati a tematiche ambientali ma anche con opere di più ampio respiro in grado di raccontare il rapporto con il territorio.

Non potrà inoltre mancare la sezione BFF Books, dedicata agli incontri letterari, per proseguire il legame con la tradizione di “Parole sull’acqua”. Undici libri, tra saggi e romanzi, che declinano la tematica principale del Festival.

Questa seconda edizione ospiterà inoltre la mostra Locandine Ipotetiche, realizzata in collaborazione con Accademia di Belle Arti di Verona: una serie di ipotetiche locandine del Bardolino Film Festival realizzate dagli studenti del Biennio Magistrale in Italian Strategic Design.

Bardolino Film Festival aderisce a Verona Green Movie Land, un progetto di cinema, cultura e turismo per un territorio sostenibile che guarda al futuro del proprio ambiente. Il progetto prevede un programma completo ed eterogeneo formato da cinque “inquadrature”, diversi punti di vista sul tema della sostenibilità: la più significativa è Verona Green Movie Festival, il coordinamento e la promozione di sei festival cinematografici, sul territorio veronese, accomunati oltre che dalla passione per il cinema in tutte le sue declinazioni, da una speciale attenzione a sostenibilità e responsabilità sociale. Il primo festival con il marchio VGML è proprio il Bardolino Film Festival.

08/06/2022, 14:12