Max-width 100% Max-width 100% -

Alessandro Sanna


08/07/1964
Cagliari, Italia

Alessandro Sanna


Filmografia dal 2000:
2011 » I 5 Re: regia, soggetto, sceneggiatura
2007 » In Nome di Maria: suono
2006 » Arriva Pavan: regia, montaggio

Biografia:
Alessandro Sanna é nato a Cagliari, ma da sempre ha vissuto a Senorbì nel cuore della Trexenta l'8 luglio 1964. Studia Violoncello al conservatorio Pierluigi Da Palestrina e all'istituto Tecnico per Geometri "Ottone Bacaredda" di Cagliari. Il rapporto con il cinema inizia nel 1986 quando, acquistò per natale una nuova videocamera Hitachi VHS ingombrante e poco maneggevole. Alessandro, stimolato da quell'acquisto, comincia a riprendere, imparando da solo anche come montare i filmati. Fra i suoi vari video, ve n'è uno del quale è particolarmente affezionato, il primo, un rifacimento de "I Gemelli", il film con DeVito e Schwarzenegger, ma purtroppo rimasto tuttora incompiuto. Dopo alcuni anni decide di fare il grande passo e si avventura, con un gruppo di amici del paese in cui vive, a girare un remake del film record di incassi "Il Ciclone" di Leonardo Pieraccioni del 1996, al quale diede il titolo di "LoS ci KloneS" diventando forse il primo lungometraggio indipendente girato in digitale e auto prodotto della storia del cinema sardo. LoS ci KloneS è stato visto ormai da centinaia di migliaia di persone in tutto il mondo, Argentina, Spagna, Canada, Australia, Emirati Arabi, senza mai perdere la sua particolare freschezza. Proprio dagli stimoli derivati da questo vero primo lavoro hanno origine le sue prime prove cinematografiche. È stato questo film dunque che gli fa scattare la molla giusta per condurlo sulla strada della regia cinematografica. Ormai la decisione è presa: vuole diventare cineasta, Nel 2004, infatti, realizza un altro capolavoro, una rivisitazione de "Il mio grosso grasso matrimonio greco" di Joel Zwick, scritto da Nia Vardalos e prodotto da Tom Hanks nel 2001, al quale diede il titolo "Padre, figlia e spirito sardo", film che gli permette di familiarizzare a un livello di maggiore profondità con tecniche registiche e di montaggio. Il film funziona bene, diverte e commuove allo stesso tempo e, cosa fondamentale, ha dei personaggi credibili in cui è molto facile riconoscersi. Alessandro Sanna è bravo nel rendere la "crisi esistenziale" che prende Tonina quando perde la testa per Gianni: da una parte il cuore, dall'altra la famiglia saldamente fedele alla cultura e alle tradizioni Sarde. Il tutto gira intorno al "matrimonio" ed è molto divertente vedere come questa famiglia numerosa e bizzarra organizza il tutto! Il film è colmo di stereotipi sui sardi e su quanto siano legati alla famiglia. E' proprio la semplicità il punto forte della storia: un bel ragazzo archeologo si innamora pazzamente di una ragazza non eccessivamente affascinante e neanche poi così carina, e con lei affronta tutte le avversità che derivano dal suo non-essere sardo. Di grande effetto alcune scene girate a Mamoiada nell'occasione del carnevale, e ad Oristano nell'appuntamento annuale con la Sartiglia. In questo lavoro Alessandro ripercorre quelle che sono le vere inclinazioni culturali e sociali, di una famiglia media ai nostri giorni in un paese dell'interno della Sardegna:Senorbì. Successivamente, nel 2005, si cimenta con "Arriva Pavan", lavoro nel quale si incarica di curare in pratica quasi tutto. E' autore infatti non solo della regia, ma anche di riprese, fotografia, montaggio, e produzione. Già dagli esordi, dunque, stupisce l'ambiente del cinema e degli intenditori con la sua capacità di controllare tutte le fasi del processo creativo, una costante tipica del suo modo di lavorare. Il film inedito "Arriva Pavan" è scritto da Giancarlo Busacca autore di teatro e televisione, tra i suoi lavori:"AAA coccole offresi" e "Fotografi" tutti rigorosamente comici, attualmente lavora in produzioni cinematografiche con Alvaro Vitali, Pippo Vinciguerra (actor studio di NY), Paolo Caiazzo (Colorado Cafè, Italia 1), Enrico Guarneri (Teatro Stabile di Catania). Il film è interpretato ottimamente da Alessandro Pili, imitatore del Presidente della Regione Sardegna Renato Soru negli ultimi spettacoli del famoso gruppo teatrale cagliaritano dei LaPola, da Salvatore Zedda di Ortacesus, vittima suo malgrado di un simpatico scherzo telefonico che ha imperversato nella rete di internet per diversi mesi, da Sergio Usai Presidente della Filodrammatica di Sanluri (CA). Il Film è un funambolico esercizio di stile dove il tutto si incastra a perfezione. In un paesino della Sardegna il maresciallo della piccola stazione dei carabinieri deve andare in ferie e gli viene mandato un rimpiazzo, il brigadiere Pavan. Al povero Brigadiere, sempre tra il comico e il rocambolesco, gliene capiteranno di tutti i colori. Consensi della critica, applausi e risate hanno accompagnato la proiezione di una commedia brillante bella divertente made in Sardegna.
(ultima modifica: 10/10/2006)