Desktop CinemaItaliano.info - Tutto il nuovo cinema italiano lo trovi qui
Max-width 100% Max-width 100% -

ScampiaTrip (2010), di Luigi Pingitore
locandina di "ScampiaTrip"

Cast


Soggetto:
Luigi Pingitore

Sceneggiatura:
Luigi Pingitore

Musiche:
'A67

Montaggio:
Luigi Pingitore

Fotografia:
Pablo Ruiz
Regia: Luigi Pingitore
Anno di produzione: 2010
Durata: 24'
Tipologia: documentario
Genere: sociale
Paese: Italia
Produzione: CSV Napoli, Blackoutfilm
Distributore: n.d.
Data di uscita:
Formato di ripresa: HD
Post Produzione: Media Digitali
Formato di proiezione: HD, colore
Titolo originale: ScampiaTrip

Sinossi: Il quartiere più raccontato d'Italia prova finalmente a parlare di sé in prima persona. ScampiaTrip è un viaggio in un territorio da sempre alla ribalta per casi di quotidiana cronaca nera, osservato stavolta attraverso le voci e i volti di chi prova a restare e resistere nel suo ventre molle. Accompagnati dalla colonna sonora degli ‘A67 che scandiscono ogni passaggio con la loro musica infarcita di passione e rabbia, le immagini di ScampiaTrip provano ad entrare dentro le architetture urbane e umane di un luogo capace non soltanto di mostrarsi nei suoi aspetti più deteriori, ma anche come bacino ricco di storie di resistenza quotidiana, un luogo dove convivono artisti, fotografi, animatori culturali, musicisti. Un quartiere che ad esempio, celebra attraverso un semplice carnevale, la liturgia dell’esorcizzazione della bruttezza.

Ambientazione: Scampia (NA)

Libri correlati:
"Scampia Trip. Con CD Audio"
di 'A67, Luigi Pingitore, 160 pp, Ad Est dell'Equatore, collana Extras, 2010
lla città delle emergenze, Scampia esiste solo quando ci sono i morti ammazzati. A farla esistere è l'occhio superficiale, distorto e spesso criminale dei media, che speculano e abusano dei soliti luoghi comuni e simboli di degrado per poi puntualmente lasciarla ricadere nell'oblio; mentre delle innumerevoli associazioni, gruppi di volontariato e centri culturali che ogni giorno lavorano nel quartiere per migliorarne le condizioni si ignora persino l'esistenza. Da qui l'esigenza e la volontà di pubblicare un libro che cerchi di mostrare e raccontare il quartiere, con gli occhi di chi ci è nato, cresciuto e infine ha scelto di restare. Nello scegliere i brani della compilation: "Scampia Trip" estratti dagli album: "'A camorra song' io" (Polosud 2005) e "Suburb" (EDEL IPolosud 2008), abbiamo pensato a quelle canzoni che più di altre sono nate come riflesso condizionato della nostra realtà. Immaginandole come una sorta di colonna sonora che accompagnasse con atmosfere e suoni un viaggio. Un racconto nel racconto. In questa compilation abbiamo inserito anche il singolo: "Io non mi sento italiano" (Polosud 2009) cover di Giorgio Gaber, sino ad ora distribuita da Edel solo in download digitale (le royalties di vendita sono andate alle cooperative sociali di “Libera Terra”) e ora per la prima volta su un disco. Per l'occasione abbiamo registrato una nuova versione di "'A67" (Reprise) e "'A camorra song' io" chiamando come ospite l'amico e storico violino dei "Modena City Remblers", Francesco "Fry" Moneti. Infine, un inedito: "Solo verità" che cerca di dare il senso di quello che ancora oggi ci spinge ossessivamente ad andare in direzioni "ostinate e contrarie". 'A67
prezzo di copertina: 13,00


SSBWaWFnZ2kgRGkgUm9ieQ==


Links correlati