Max-width 100% Max-width 100% -

Un Castello in Italia (2013), di Valeria Bruni Tedeschi
locandina di "Un Castello in Italia"
Regia: Valeria Bruni Tedeschi
Anno di produzione: 2013
Durata: 104'
Tipologia: lungometraggio
Paese: Francia
Produzione: Fidélité Productions, SBS France; in collaborazione con Fargo Film
Distributore: Teodora Film
Data di uscita: 31/10/2013
Formato di proiezione: 35mm, colore
Ufficio Stampa: Nicoletta Billi / Viviana Andriani e Aurélie Dard - Rendez-Vous / Guerrar and Co.
Vendite Estere: Films Distribution
Titolo originale: Un Castello in Italia
Altri titoli: Un Château en Italie

Recensioni di :
- UN CASTELLO IN ITALIA - La normalità della nobiltà

Sinossi *:
In parte autobiografica, la storia racconta l'inizio della storia d'amore fra Louise (Bruni Tedesch... Continua...


Ambientazione: Castagneto Po (TO) / Francia

Periodo delle riprese: Dal 27 febbraio 2012

"Un Castello in Italia" è stato sostenuto da:
CNC - Centre National de la Cinématographie
Film Commission Torino Piemonte


Libro sul film "Un Castello in Italia":
"Le tourbillon de la vie. Il cinema di Valeria Bruni Tedeschi"
di Benedetta Pallavidino, 92 pp, Edizioni Bietti, collana Fotogrammi, 2022
«L’anello mancante tra Woody Allen e Nanni Moretti»: così Filippo Timi definisce la Valeria Bruni Tedeschi regista. Quattro i film diretti dall’attrice sinora: È più facile per un cammello…, Attrici, Un castello in Italia e I villeggianti – più il quinto per ora inedito in Italia Les Amandiers, pochi giorni fa annunciato in concorso alla 75ma edizione del Festival di Cannes.
Ed è proprio Valeria Bruni Tedeschi con la sua viva, inconfondibile voce a parlare dei come e dei perché del suo lavoro dietro la macchina da presa, nell’intervista concessa in esclusiva a Benedetta Pallavidino. Ognuno dei suoi film è una storia che sfrutta il tragicomico e l’imprevedibilità dell’esistere per dare voce a una riflessione in cui lo spunto autobiografico è la pista di decollo verso l’universalità dei sentimenti. Il cinema di Valeria Bruni Tedeschi è fatto di narrazioni che sono altrettante “pagine del diario” di esistenze insoddisfatte, inadeguate e imperfette, tradotte in immagini che da frenetiche si fanno lievi, percorse da musica, grida e risate talvolta incongrue – eppure calzanti – capaci di raccontare la corsa forsennata verso una felicità, effimera, sempre così difficile da raggiungere.
È il vortice della vita che avvolge e scombina, che annienta e salva, che porta a perdersi e ritrovarsi.

prezzo di copertina: 4,99


I Viaggi di Roby