Max-width 100% Max-width 100% -

Aral, Fishing in an Invisible Sea (2004), di Carlos Casas, Saodat Ismailova
Regia: Carlos Casas, Saodat Ismailova
Anno di produzione: 2004
Durata: 52'
Tipologia: documentario
Genere: antropologico/etnologico/sociale
Paese: Italia/Uzbekistan
Produzione: Fabrica Benetton's Communication, Colors Film
Distributore: n.d.
Data di uscita:
Formato di ripresa: DV Cam
Formato di proiezione: 35mm e Betacam SP, colore e bianco/nero
Ufficio Stampa: Fabrica Ufficio Stampa
Titolo originale: Aral, Fishing in an Invisible Sea
Altri titoli: Aral, Pescando in un Mare Invisibile

Sinossi: Sul Lago d’Aral, tra l’Uzbekistan e il Kazakistan, vivono tre generazioni di pescatori. Una vita segnata dalla fatica giornaliera per sopravvivere in un luogo reso così inospitale da uno dei più grandi disastri ambientali di ogni tempo. La pesca qui è ormai possibile solo sugli esigui specchi d’acqua rimasti dopo il prosciugamento del lago dovuto ai canali d’irrigazione. Le tre generazioni di pescatori si raccontano: i vecchi, che rappresentano la memoria storica ma anche l’attesa della morte, gli adulti, legati alla loro terra e a una tenace speranza di miglioramento, i giovani, che conoscono solo questa realtà e sono incapaci di immaginare che qualcosa possa cambiare.

Ambientazione: Lago d’Aral, tra l’Uzbekistan e il Kazakistan

SSBWaWFnZ2kgRGkgUm9ieQ==


Foto